Young confident woman in red cape and mask

10 buoni motivi per andare dallo psicologo

Ci sono diversi motivi, e anche più di dieci, che le persone utilizzano per giustificare la loro resistenza ad andare da uno psicologo, alimentati da false credenze, preconcetti, fantasie e dubbi.

Il risultato? Chi ha bisogno di aiuto non lo chiede, o aspetta anni prima di rivolgersi ad uno specialista quando ormai il convivere con i propri problemi lo ha portato allo sfinimento compromettendo in modo significativo diversi ambiti della propria vita.
Ecco una sintesi dei luoghi comuni da sfatare e di credenze da modificare per scegliere in piena libertà se abbiamo bisogno di incontrare uno psicologo.

  1. “ Lo psicologo cura i matti”. L’errata convinzione che lo psicologo si occupa soltanto delle forme di psicopatologia è dura a morire. Questa poggia in parte sulla confusione esistente tra psichiatra e psicologo e in parte sulla mancata conoscenza riguardo agli ambiti di intervento psicologico che spaziano dalla promozione della salute, alla scuola, alle aziende.
  2. “ Costa tanto”. Rivolgersi ad un professionista ha un prezzo, sia che si tratti del dentista, del cardiologo o di uno psicologo! La spesa economica a cui vogliamo sottrarci si traduce direttamente in termini di costo per la nostra serenità e benessere, sebbene questi ultimi siano difficilmente quantificabili.
  3. “ Ci vogliano anni di terapia”. La durata dell’intervento psicologico non può essere definita a priori, a volte possono bastare anche pochi incontri. Tutto dipende dal motivo della consultazione e solo una parte di coloro che si rivolgono ad uno psicologo necessita di un intervento psicoterapico che compete esclusivamente allo psicoterapeuta.
  4. “ Che cosa direbbero gli altri se sapessero che vado dallo psicologo?”. E’ importante sapere che esiste un codice deontologico che disciplina la professione secondo il quale lo psicologo ha il dovere di tutelare la privacy dei suoi clienti. Se non vuoi far sapere che ti sei rivolto ad uno psicologo basta solo che eviti di dirlo ad altre persone. Ciò, ovviamente, vale per qualsiasi altra prestazione sanitaria.
  5. “ A me non serve aiuto. Come sempre ce la faccio da solo”. Spesso il gesto di chiedere aiuto viene considerato un atto di debolezza ma è inevitabile che prima o poi nel corso della vita capiti di aver bisogno dell’altro. Rivolgersi ad un psicologo quando si vive un malessere o si ha un problema è invece un atto di coraggio e di responsabilità verso se stessi.
  6. “ Basta prendere dei farmaci”. La terapia farmacologica non può essere considerata un’alternativa. In determinati casi è necessario che questa sia integrata ad un trattamento psicologico in modo da consentire l’elaborazione dei vissuti piuttosto che evitare di parlare dei problemi.
  7. “ Se vado dallo psicologo ne uscirò cambiato”. Quando si vive un disagio è perché qualcosa nella propria vita non è come dovrebbe essere. Rivolgersi ad uno psicologo per poter stare meglio richiede che si compia un processo di cambiamento, la trasformazione non è solo inevitabile ma necessaria per ritrovare il proprio benessere.
  8. “Quali garanzie ho che starò meglio?”. Lo psicologo può solo garantire della sua formazione professionale e sul suo impegno ad aiutarvi, se decidete di rivolgervi a lui imparerete ad accettare la vita anche senza garanzie.
  9. “ I panni sporchi si lavano in casa”. Il detto popolare in questo caso non è d’aiuto poiché i problemi è meglio affrontarli con una persona diversa da noi stessi portatrice di un altro punto di vista e capace di suggerire strategie alternative a quelle che siamo solite utilizzare.
  10. “ Conoscendo le tecniche si può fare da soli”. L’efficacia di un intervento psicologico non è riducibile al solo impiego di tecniche specifiche il cui utilizzo avviene sempre all’interno di una relazione tra chi richiede aiuto e chi è disposto a darlo.

Sono innumerevoli le situazioni di vita che posso spingervi a richiedere un colloquio con lo psicologo … se questi dieci motivi non bastano a frenarvi significa che siete pronti per incontrarlo e migliorare voi stessi!

Dott.ssa Cristina Pomi

————————————–

Scriveteci all’indirizzo info@apertamente.info o tramite il form qui sotto, saremo lieti di rispondere ai vostri quesiti.

Dubbi? Curiosità? Richieste su temi particolari? Scriveteci nell’area contatti e saremo lieti di rispondervi.

Nome:

E-Mail:

Messaggio:

Le mail ricevute saranno protette dal più stretto riserbo in modo da tutelarne la privacy.

AVVERTENZA:
Questa rubrica ha come fine quello di favorire la riflessione su temi di natura psicologica. Le informazioni fornite hanno carattere generale e non sono da intendersi come sostitutive di regolare consulenza professionale.

Apertamente, rubrica di Psicologia a cura della dott.ssa Cristina Pomi e del dott. Daniele Zinghinì.